Vai al contenuto della pagina | Vai al menù

Elisabetta Antonini - Cantante jazz e vocalist. Jazz singer

jazz, canto jazz, vocal jazz, Italian jazz, singing, jazz singing, jazz italiano, cantanti jazz, jazz femminile, artisti jazz italiani, women next door, acoustic music

Elisabetta Antonini

Indietro

ELISABETTA ANTONINI, voce, live electronics, composizioni

FRANCESCO BEARZATTI, sax tenore, clarinetto

LUCA MANNUTZA, pianoforte

PAOLINO DALLA PORTA, contrabbasso

MARCELLO DI LEONARDO, batteria

 

“Ho ascoltato un fantastico omaggio alla Beat Generation e dire che questa incisione sia meravigliosa è assolutamente riduttivo. Questo è un disco pieno di musicalità, di una solida cognizione dell’era bebop, di una visione del jazz profonda e piena di sentimento”. Sheila Jordan

 

Recentemente presentato a Tokyo, “The Beat Goes On” è il progetto con cui la cantante compositrice jazz Elisabetta Antonini vince il prestigioso premio Top Jazz della critica come Miglior Nuovo Talento. Ripercorrendo e ricostruendo musicalmente le atmosfere e le strade della Beat Generation, la cantante omaggia poeti come Kerouac, Ginsberg, Corso, icone di un urlo di libertà che arriva forte e chiaro dagli anni ’50 ad oggi attraverso il jazz, la musica più amata dai Beat.

 

Distribuito in Europa e negli Stati uniti, “The Beat Goes On” presenta per la maggior parte brani originali, tutti scritti dalla Antonini sulle parole e sulle voci dei poeti stessi e vengono commentati nel live da frammenti di registrazioni d’epoca dall’impatto potente e suggestivo. Accanto al materiale originale si apprezzano rivisitazioni del jazz di Monk, del folk di Bob Dylan e di Joni Mitchell, trovano spazio sonorità elettroniche e sintetiche, jazz tunes di energico bebop e momenti di improvvisazione collettiva di ampio respiro e ricchi di lirismo.

 

“The Beat Goes On” vede accanto alla Antonini alcuni dei grandi nomi del jazz italiani come Francesco Bearzatti (sax tenore), Luca Mannutza (pianoforte), Paolino Dalla Porta (contrabbasso), e Marcello Di Leonardo (batteria). Progetto e formazione danno all’album un respiro internazionale, riconosciuto anche da un nome di spicco come Alan Bates: la sua etichetta Candid Records, che per la prima volta inserisce un’artista italiana nel suo catalogo.

 

Video

https://www.youtube.com/watch?v=KMUV4KCkvfA https://www.youtube.com/watch?v=_tJvh3B2AVs https://www.youtube.com/watch?v=RAwBcpB_oCI https://www.youtube.com/watch?v=bR7S704eUl4

ELISABETTA ANTONINI, Voce e live effects

MARCELLA CARBONI, Arpa e live electronics


Progetto unico nel suo genere, "Nuance" è il frutto di un incontro creativo tra arpa e voce, l'esplorazione delle innumerevoli sfumature timbriche di due strumenti che alla propria ricchezza aggiungono i chiaroscuri e l'espressività delle ambientazioni elettroniche create da filtri ed effetti sonori, abbracciando il jazz, la canzone, la musica colta e l'improvvisazione, scivolando elegantemente fra brani di Ralph Towner, Kenny Wheeler, Tom Jobim e Guinga.

 

Presentato in numerose manifestazioni jazz di prestigio (Time in Jazz, Tuscia in Jazz Summer, Nuoro Jazz, Viaggiano Jazz, Festival Internazionale di Jazz Contemporaneo alla Casa del Jazz, Rassegna Dialogo all'Auditorium Parco della Musica, ecc.), il duo è stato ospitato al Festival Internacional de Jazz de Madrid, in cartellone al fianco di Maria Sneider, Kurt Elling, Esperanza Spalding, Oregon, Joe Lovano e molti altri, e in Brasile all'Harp Festival di Rio de Janeiro.

 

Numerose le partecipazioni radiofoniche, da Radio Social Club su Padio Radio 2 di e con Luca Barbarossa, Jazz a Nota Libera su Tele Radio Stereo di e con Massimo Nunzu, Isorario Radio Rai, fino ad una puntata della trasmissione Officina del Jazz condotta da Gegè Telesforo, interamente dedicata al duo.

 

 

Live at Auditorium Parco della Musica SO NICE

Live at Kabala LUIZA (Tom Jobim)

 

Ascolta i brani

 

Recensioni e articoli

Elisabetta Antonini, voce

Alessandro Gwis, pianoforte ed elettronica

Gabriele Coen, clarinetti e sax soprano

featuring

Paul McCandless, oboe, corno inglese, sax soprano

 

 

"Un Minuto Dopo" nasce attorno ad alcune composizioni di Enrico Rava, Le Solite Cose, Sola, Tomo Y Recuerdo e Certi Angoli Segreti, che qui vengono riproposte in una chiave cameristica e diventano vere e proprie canzoni, grazie alle parole adattate dalla poetica penna di Marina Tiezzi.

 

Il lirismo di queste melodie e il gusto per il jazz contemporaneo europeo sono la chiave con cui Elisabetta Antonini sceglie e scrive la musica per questo progetto dal carattere rarefatto e malingonico come ironico e spensierato, in cui echeggiano tanghi, ritmiche popolari, tradizione europea, musica colta ed antica, in una sorta di impressionismo sonoro.

 

"Un Minuto Dopo" è stato presentato in prestigiosi festival e rassegne italiane con la partecipazione di ospiti straordinari del calibro di Paul McCandless e Kenny Wheeler.

 

Ascolta i brani

 

Recensioni, articoli, interviste

 

Elisabetta Antonini, voce 
Gaia Possenti, pianoforte 
Federica Michisanti, contrabbasso 
Danielle Di Majo, alto sax 
special guest Giorgio Cuscito, vibrafono

 

La cantante Elisabetta Antonini da vita a un nuovo progetto, "Women Next Door", interamente dedicato al jazz degli ’50, i favolosi anni in cui George Shearing infuocava le lunghe notti al Birdland di New York, Frank Sinatra affascinava orde di giovani cantando e recitando in alcuni dei più celebri capolavori hollywoodiani, Nat King Cole incantava con la sua voce vellutata e il ritmo pulsante del suo trio esibendosi in lungo e in largo negli Stati Uniti, Louis Armstrong scriveva le più intense pagine del jazz, e le grandi voci di Anita O’Day, Billie Holiday, Ella Fitzgerald incidevano con le orchestre più prestigiose i primi long playing, cantando i brani che sarebbero diventati leggendari, piccoli diamanti del jazz vocale.

 

Con una partecipazione tutta femminile, "Women Next Door" si ispira a questi magnifici artisti e alla loro indimenticabile comunicativa, e omaggia la musica dei grandi autori del jazz, riproponendo la forza espressiva di quelle melodie e la freschezza di quei testi, attraverso un programma di songs, di vere “perle del jazz”, nella veste elegante e vagamente easy di quegli anni.


Ascolta i brani

Elisabetta Antonini, voce

Greg Burk, pianoforte

Pietro Ciancaglini, contrabbasso

Andrea Nunzi, batteria

featuring

Maurizio Giammarco, sax tenore

 

"In a New York Minute"  è jazz denso, vibrante, aspro, ispirato da atmosfere metropolitane ed emerge come un quadro sonoro che si staglia dal rapido oscillare di immagini antiche e moderne, dal melting pot di arte e di storia, suoni, ritmo, luci, colori propri della città di New York.

 

Nota per la sua ricerca creativa che la porta a produrre da sempre progetti avventurosi ed originali fortemente connotati sul piano sonoro e musicale, Elisabetta Antonini qui si confronta con una raffinata selezione di brani, in parte originali in parte di artisti contemporanei che hanno scelto New York come meta del proprio viaggio artistico, da Cedar Walton a Tom Harrell, offrendo un percorso musicale, un collage intenso e vibrante di “frammenti urbani”.

 

Al suo fianco affermati e talentuosi musicisti, sapienti nel tradurre con un linguaggio sofisticato e pieno di energia il fascino evocativo di questa città, da sempre culla del jazz. Di rilievo la partecipazione dello storico sassofonista Maurizio Giammarco.

 

Live at Alexanderplatz EASY LO LOVE (Cole Porter)

Live at Alexanderplatz MOSAIC (Cedar Walton)

 

Torna su

"I have just heard a fantastic recording honouring the Beat Generation and to say this recording is wonderful would definitely be an understatement.
I'm thrilled that a group of beautiful young musicians have shown such tremendous depth and understanding for my heroes. The Beat Goes On is a recording full of great musicianship, strong knowledge of the bebop era and a deep, soulful understanding of jazz".

Sheila Jordan

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue, we'll assume that you are happy to receive all cookies from this website.